2010 in lotta con il 1998 come anno più caldo

Da MeteoGiornale del 22 ottobre 2010, articolo di Mauro Meloni:
http://www.meteogiornale.it/notizia/18968-1-anomalie-termiche-settembre-dati-noaa-iniziata-la-fase-calante

2010 in lotta con il 1998 come anno più caldo, ma la Niña sta contribuendo a far scendere le anomalie.
In base ai dati dell’Ente Americano, le temperature globali stanno calando, comparando le misurazioni delle terre emerse e degli oceani.
Febbre del Pianeta in calo, in attesa di verificare se questa traccia sarà rafforzata da qui a fine 2010, in modo da scongiurare il record di anno più caldo.

Il mese di settembre, in base ai risultati combinati fra le terre emerse e gli oceani, ha mostrato un’anomalia termica a livello globale di +0,50°C rispetto al periodo dal 1971 al 2000.
Si è trattato dell’ottavo scarto termico più elevato fatto registrare in settembre dalla serie storica disponibile dal 1880.
Osservando il trend degli ultimi mesi, rispetto ad agosto l’anomalia complessiva terre emerse-oceani è diminuita di 0,10°C, mentre rispetto a luglio il calo è stato di 0,16°C.

Le aree con le maggiori anomalie di caldo, riscontrate nel mese di settembre, sono state l’Alaska occidentale, una buona fetta degli Stati Uniti,
il Canada orientale, la Groenlandia, il Medio Oriente ed alcune aree asiatiche (mancano i dati della Cina).
Le zone invece un po’ più fresche sono state l’Australia (temperature massime in media più basse dal 1984), il Canada occidentale e parte dell’Europa Centro-Orientale.
Si osservino poi gli Oceani, con l’anomalia negativa particolarmente marcata sul Pacifico Equatoriale e Tropicale in zona ENSO per la Niña giunta quasi ai massimi.

(Anomalie del mese di Settembre 2010 rispetto alla media 1971-2000, fonte NOAA)


Trend di settembre dal 1880 ad oggi: confronto delle anomalie termiche globali fra terre emerse ed oceani. Fonte NOAA.

La riduzione delle anomalie riscontrata a settembre si deve soprattutto alle aree sud del Pianeta:
nel complesso, l’anomalia termica globale di settembre per il Nord Emisfero è stata pari a +0,57°C (il sesto scarto più elevato mai avuto nel mese di settembre),
mentre sull’Emisfero Australe l’anomalia è stata di +0,43°C (corrispondente all’11° scarto più elevato mai misurato a settembre sulla stessa area).

Trend di settembre dal 1880 ad oggi: confronto delle anomalie termiche fra l’Emisfero Boreale e quello Australe. Fonte NOAA.

La NOAA vede il 2010 (periodo da Gennaio a Settembre) fino a questo momento come il più caldo mai avuto, ma questi dati non sono del tutto avvalorati da altri enti specializzati.
Tuttavia, i previsti ulteriori effetti di consolidamento della Niña dovrebbero ulteriormente abbassare le anomalie nei prossimi mesi,
riuscendo probabilmente a scongiurare che il 2010 possa risultare l’anno più caldo della storia.

About jovi72